Nuestros contenidos
Subscribe Us
Subscribe to our newsletter and receive a selection of cool articles every weeks

LESIONE DEL LEGAMENTO CROCIERA ANTERIORE: CHE COS'È E COME SI TRATTA?

LESIÓN EN EL LIGAMENTO CRUZADO ANTERIOR: ¿QUÉ ES Y CÓMO SE TRATA?

Cos'è il legamento crociato anteriore (LCA)?

Un legamento è una fascia molto resistente ed elastica di tessuto connettivo la cui funzione è l'unione delle ossa all'interno di un'articolazione. Nello specifico, la stabilità del ginocchio è fissata da quattro legamenti: legamento crociato anteriore (LCA) , legamento crociato posteriore (LCP), legamento laterale mediale (LLI) e legamento laterale esterno (LLL).

Dal punto di vista anatomico i legamenti crociati seguono il seguente percorso:

  • Legamento crociato anteriore (LCA) : si estende dall'aspetto mediale del condilo laterale del femore all'area intercondilare anteriore della tibia. La sua funzione è quella di impedire lo spostamento anteriore della tibia rispetto al femore. È in questo legamento che si verificano la maggior parte delle lesioni.
  • Legamento crociato posteriore (LCP) : si estende dal condilo mediale del femore all'area intercondilare posteriore della tibia. La sua funzione è quella di stabilizzare lo scorrimento posteriore della tibia rispetto al femore.

A seconda del grado di lesione del legamento crociato anteriore, possono essere classificati in tre tipi:

  • Distorsione di grado I : il legamento è stato leggermente danneggiato, causando dolore, edema e leggera infiammazione, impotenza funzionale nulla o lieve.
  • Distorsione di grado II : rottura parziale del legamento, dolore, edema e infiammazione è maggiore, moderata impotenza funzionale.
  • Distorsione di grado III : lacerazione o rottura completa, dolore, edema e infiammazione sono molto intensi, impotenza funzionale totale e grande instabilità del ginocchio.

Cause di lesione del legamento crociato anteriore

La maggior parte delle lesioni ACL si verificano negli sport che richiedono torsioni e frenate della parte inferiore del corpo:

  • Cambia rapidamente direzione.
  • Iperestensione con rotazione improvvisa del ginocchio (ruotare il ginocchio con caviglia e piede ben piantati a terra).
  • fermarsi all'improvviso
  • Trauma diretto (contatto diretto o collisione) alla parte posteriore della tibia
  • Combinazione di ginocchio valgo (ginocchio dentro) e rotazione esterna.
  • Combinazione di ginocchio varo (ginocchio fuori) e rotazione interna.
  • Atterraggio errato.
  • Rallenta il movimento.

D'altra parte, è anche importante evidenziare una serie di fattori di rischio che possono aumentare la probabilità di subire questo infortunio:

  • Pratica sport come calcio, basket, sci alpino, football americano, ecc.
  • Essere una donna: a causa della sua maggiore lassità articolare (tra gli altri).
  • Essere in cattive condizioni fisiche.
  • Ginocchio valgo in eccesso.
  • Fai sport su terreni irregolari.
  • Indossare calzature inadeguate o sovradimensionate.

Sintomi di lesione del legamento crociato anteriore

Esistono diverse patologie con sintomi simili a quelli sopra menzionati quando si ferisce il legamento crociato anteriore (dolore intenso, infiammazione, edema, instabilità, disagio durante la deambulazione, ecc.). Per differenziarli, è necessario eseguire una serie di test :

prova del cassetto

La persona ferita deve essere posta in posizione supina (a faccia in su) con l'anca flessa a 45° e il ginocchio flesso a 90°. Con il piede fisso in rotazione neutra, un personale sanitario (medico, fisioterapista, ecc.) esegue una trazione anteriore sulla tibia. Se appare una capote, c'è stata una lesione ACL.

Scintigrafia ossea

Questo test in particolare non mostrerà chiaramente la lesione ACL, ma mostrerà se è associata a una lesione ossea.

Risonanza

Questo è uno dei migliori test per determinare il grado di lesione ACL poiché crea immagini migliori dei tessuti molli.

Trattamento della rottura del legamento crociato anteriore

Il trattamento del ginocchio in caso di lesione del LCA varierà a seconda che sia conservativo , ovvero la persona interessata non subirà un intervento chirurgico per il recupero, o se sia chirurgico . In generale, la maggior parte delle lacrime di grado II e III di solito opta per questa forma di trattamento e ancora di più se parliamo di atleti.

trattamento non chirurgico

In caso di trattamento conservativo si consiglia di rinforzare i muscoli posteriori della coscia (che possono essere lavorati in catena cinetica aperta) e di rinforzare i quadricipiti, tenendo conto che il carico deve essere prossimale per non favorire il cassetto anteriore. Tutti questi tipi di esercizi devono essere prescritti dal personale sanitario (fisioterapista o medico).

trattamento chirurgico

Per quanto riguarda il trattamento chirurgico, bisogna tener conto che il trattamento utilizzato è la legamentoplastica , ricostruendo così il legamento, e si possono utilizzare vari materiali:

  • Autotrapianto (plastica tendinea) : è il metodo più utilizzato. Per fare ciò, le fibre vengono prelevate dal tendine rotuleo o dal tendine del piede d'oca del paziente.
  • Alloinnesti : il tendine per eseguire la legamentoplastica appartiene a un cadavere.
  • Protesi.

Una volta eseguito l'intervento chirurgico e ricevuta la dimissione medica, l'infortunato deve seguire una rigorosa riabilitazione da parte di un fisioterapista dove eseguirà diverse tecniche per il recupero ottimale del ginocchio.

Tra queste tecniche spicca la pressoterapia . Durante i primi giorni sarebbe opportuno utilizzare la modalità 2 della nostra macchina SIZEN, indicata per drenare i liquidi in eccesso accumulati nel ginocchio dopo l'intervento.

Una volta che il paziente torna gradualmente all'attività sportiva, può avvertire un sovraccarico muscolare dovuto alla mancanza di abitudine sportiva, per cui è più consigliata la modalità 3 o 4, con la quale l'atleta otterrà un rapido recupero muscolare.

Come prevenire la lesione del legamento crociato anteriore?

Infine, ti daremo una serie di consigli affinché tu possa prevenire, per quanto possibile, una lesione del legamento crociato anteriore , evitando così lunghi mesi di pausa sportiva:

  • Rafforzamento dei muscoli posteriori della coscia, quadricipiti e addominali.
  • Rafforzamento dei muscoli rotatori esterni dell'anca come il gluteo medio, il gluteo massimo e il tensore della fascia lata.
  • Recati periodicamente dal fisioterapista per evitare di sovraccaricare i muscoli sopra menzionati e affinché possano svolgere correttamente la loro funzione.
  • Evita l'affaticamento muscolare con la pressoterapia SIZEN.
  • Allena le tecniche di salto, svolta, frenata e accelerazione.
  • Rispetta i giorni di riposo.
  • Eseguire gli esercizi con calzature adeguate.

Autore

Alicia Vicario , fisioterapista e creatrice di Fisiovik (IG: @fisiovik ).

Ho studiato Scienze Motorie e Attività Fisica e mi sono specializzata nel ramo della Salute. Ho lavorato per anni in una clinica di fisioterapia come riabilitatrice sportiva fino a quando ho finalmente deciso di fare fisioterapia.

Comments 
Leave a comment
Your Email Address Will Not Be Published. Required Fields Are Marked *
Domenica lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato
Gennaio, Febbraio, Marzo, Aprile, Maggio, Giugno, Luglio, Agosto, Settembre, Ottobre, Novembre, Dicembre
Non ci sono abbastanza articoli disponibili. Rimangono solo [max] .
Aggiungi alla lista dei desideriSfoglia la lista dei desideriRimuovi la lista dei desideri
Sacchetto

Il tuo carrello è vuoto.

Ritorna allo Store

Aggiungi note all'ordine Modifica le note dell'ordine
aggiungi un coupon

aggiungi un coupon

Il tuo codice coupon verrà applicato al momento del pagamento